Casa in campagna con fossa biologica o pozzo nero

Finalmente hai trovato la casa in campagna che cerchi da anni, finalmente hai trovato un prezzo ragionevole e sei deciso all’acquisto, ma quando la vai a vedere scopri che le acque di scarico on sono collegate alla rete fognaria ma c’è un pozzo nero. “Ecco, sapevo che c’era il trucco” ti viene da pensare, ma davvero si tratta di una fregatura? Davvero una casa in campagna deve necessariamente collegarsi alla fognatura per poter essere considerata una casa di qualità? Scopriamolo, ma prima devi conoscere le differenze dei sistemi di raccolta delle acque.

Casa in campagna, i sistemi di raccolta delle acque

Non tutte le case in campagna si possono collegare a una rete fognaria, non quelle case di una volta o che si trovano davvero molto decentralizzate. Per tutte queste abitazioni esistono dei sistemi di raccolta delle acque nere che consentono comunque di vivere la casa senza compromessi, o quasi.

Il pozzo nero

Il pozzo nero è un sistema di raccolta delle acque reflue. Si tratta di una sorta di vasca interrata che, come è logico supporre, nel tempo si riempie. pozzo-neroI fanghi più pesanti si adagiano sul fondo mentre le sostanze più leggere si depositano sulla superficie. Il pozzo nero ha un solo condotto, quindi richiede una manutenzione molto accurata e va svuotato completamente da una ditta professionale con una pompa aspira acqua apposita.

La fossa biologica

Anche la fossa biologica è una sorta di grande vasca che a differenza del pozzo nero ha però due condotti, di cui uno è quello di deflusso. Da questo tubo i liquami più legger scorrono e defluiscono nella fossa biologica comunale. Anche nel caso della fossa biologica occorre una certa manutenzione, ma tutto sommato è meno frequente rispetto a quella del pozzo nero che andrebbe fatta almeno ogni 8-10 mesi circa.

La fossa Imhoff

La fossa Imhoff in realtà è una variante di fossa biologica e ha un funzionamento leggermente diverso dalle prime due prese in esame. Come negli altri due casi, però, si ricorre a questa fossa nel momento  in cui la casa si trovi lontano dalla rete fognaria. La vasca va situata a una decina di metri dall’abitazione deve essere anche lontana da eventuali pozzi o sorgenti. Infatti, l’acqua parzialmente ripulita viene rilasciata nel terreno su uno strato di sabbia che la circonda. I fanghi pesanti vengono sempre eliminati dai professionisti.

Conviene una casa in campagna?

Se ti stai chiedendo se ne valga la pena, la spesa che dovrai sostenere per l’autospurgo è di circa 300 euro l’anno più o meno, i costi sono variabili a seconda dell’ampiezza, della località e se si tratta di un pozzo nero o di una fossa biologica. A questo punto non ti resta che fare due conti e decidere.